Inviti telefonici

LA TELEFONATA – NOZIONI DI BASE

il telefono pesa troppo quando devi invitare

Se hai svolto in modo ottimale la tua lista nomi, le persone da contattare saranno tante.

Se di qualche nominativo non sei riuscito a trovare il recapito telefonico lascialo in sospeso. Ti verrà in mente qualcuno che lo conosce e lo contatterai appena possibile. Prima per chiedergli il numero mancante, e quando lo avrai ottenuto, per proporgli l’attività! “Geniale” vero?

 

Regola aurea della telefonata e anche del contatto di strada (quello casuale) è non spiegare nulla!

Mai cedere alla tentazione di voler spiegare “tutto e subito”, magari in strada o mentre stai facendo la spesa al supermercato! Se incontri qualcuno per strada di cui non hai il numero, fattelo lasciare e poi chiamalo per fissare in seguito un appuntamento.

Tu invece i biglietti da visita dovrai sempre averli a portata di mano, dovrai avere anche una piccola agenda ed una penna, meglio due, non si sa mai! Ricordati che un contatto importante può presentarsi in qualsiasi momento della giornata! Che impressione avrebbe il tuo interlocutore se fossi costretto a scrivere il tuo telefono su un pezzetto di carta?

Senza questi piccoli strumenti rischi di perdere tante opportunità di sviluppare i tuoi contatti, senza contare l’immagine abborracciata che forniresti di te. Per i dilettanti e gli improvvisati non c’è più spazio nel mondo degli affari!

 

La telefonata, già parlavamo di telefonare.

Un errore tipico di chi vuole proporre l’attività o i prodotti è quello di cercare di spiegare tutto al telefono. Non farlo mai! Perderesti tempo senza ottenere nulla.

La telefonata ha un solo obiettivo: fissare un appuntamento.

Al telefono non possiamo usare la mimica facciale, ma le parole e il tono emotivo. È importantissimo curare questo aspetto in quanto l’interlocutore, in assenza della comunicazione visiva sarà ancor più ricettivo a quella verbale (a patto che non abbia le bistecche sul fuoco e la figlia che urla: “babboooo… Ho fame!”)

 

Dieci secondi d’oro

I primi 10 secondi di conversazione sono quelli che contano di più, quindi fai le tue telefonate quando avrai raggiunto una condizione mentale e ambientale favorevoli (niente distrazioni ne rumori di fondo!) Io, ora ti faccio ridere, faccio le telefonate seduto sul divano, e mi osservo riflesso nella vetrata che da sulla sala da pranzo al piano inferiore forse ti sembrerà una cosa stupida, però questa tecnica viene applicata in molti centri di tele-marketing.

Se sei di cattivo umore, aspetta che passi. Mettersi a fare telefonate in quel momento sarebbe di poco aiuto per la tua attività. Un altro errore è quello di fare le telefonate quando hai la televisione accesa, o i familiari che ti stanno per chiamare per andare a pranzo o quando la tua attenzione è assorbita altrove.

Bene ora è il momento, parte la telefonata, evita i condizionali e qualunque parola possa instillare dubbi o negatività: se, farei, dovrei, speriamo, diciamo che, ho bisogno, sto cercando… EVITARE EVITARE!

 

Una testa due menti

Bisogna stare molto attenti a questo aspetto perché vi sono delle parole che vengono usate spesso nel linguaggio comune, ma che hanno un effetto negativo nei confronti di chi è “al di là del filo”. Chi ti ascolta potrebbe non notarle consciamente ma quella “simpatica” parte di mente, normalmente, al di fuori del nostro controllo non se le farà certo scappare (se sei interessato anche a questo argomento di “anatomia mentale” vedremo di fare dei seminari, magari in sede a Viareggio perché il web non si presta a queste trattazioni)!

Molto di aiuto è il registrare la telefonata per riascoltarla a freddo, con occhio (era meglio dire orecchio) critico.

 

Conclusioni

Per ora fatti bastare queste poche informazioni, ed esercitati con le tue downline o con le tue upline simulando telefonate. Esiste un esercizio simpatico che gli americani chiamano BTB (schiena a schiena) consiste in questo: prendi due sedie, mettile schiena a schiena a circa 25 centimetri l’una dall’altra, tu siedi su una sedia e il tuo “assistente” siede sull’altra, Iniziate a simulare una, due, tre telefonate, inventati nomi e situazioni e ripetile fino a che non ti senti a tuo agio!

 

Buona attività in 5-15 Global Energy